Interventi di rifunzionalizzazione dell’immobile comunale – Ex Chiesa di San Matteo – Complesso monastero delle benedettine – per la realizzazione di un ostello – Comune di Ruvo di Puglia

Interventi di rifunzionalizzazione dell’immobile comunale – Ex Chiesa di San Matteo – Complesso monastero delle benedettine – per la realizzazione di un ostello - Comune di Ruvo di Puglia

IMPORTO: Euro 832.500,14

CATEGORIE SOA: OG 2 Classe II; OS 30 Classe I; OS 28;

SERVIZI BIM: ARCH, STR, MEP, SIC

POSIZIONE: 1 POSTO

CONCORRENTE: GECOS s.r.l. – MATARRESE ARREDAMENTI S.a.s

Migliorie proposte per l’esecuzione dei lavori:

  • Infissi interni
    • Qualità estetica e funzionale degli infissi tamburati in legno di provenienza europea da riforestazione. I materiali devono tendere alla eliminazione o riduzione della incidenza di materiali tossici, all’utilizzo di materiali riciclati o caratterizzati da vocazione alla riciclabilità e alla riduzione di segmenti lavorativi a potenziale tossico;
  • Pavimenti
    • Qualità estetica e funzionale dei pavimenti definite attraverso: marca produttrice, gamma della serie dei materiali, tipi di finiture superficiali, gamma di colorazioni e formati, facilità di pulizia, resistenza e durabilità, provenienza da materie prime seconde e/o prodotti da fonti rinnovabili;
  • Infissi esterni
    • Per quanto riguarda i materiali saranno considerate migliorative soluzioni in legno alluminio, coerenti con le caratteristiche architettoniche dell’edificio, ad esempio con finitura bronzata; Per le persiane al primo piano saranno considerate migliorative soluzioni che prevedano l’utilizzo di legni naturali particolarmente resistenti
      agli agenti atmosferici, dotati di certificazione di provenienza da riforestazione.
  • Miglioramento della qualità e delle prestazioni dei sistemi di illuminazione interna.
  • Miglioramento della qualità e delle prestazioni dei sistemi di gestione automatizzata degli impianti.
  • Per quanto riguarda gli impianti saranno considerate migliorative strategie riferite al contenimento dei consumi idrici mediante la separazione delle reti di scarico delle acque nere (contenenti cioè gli scarichi dei WC) e delle acque grigie (tutte le altre acque di scarico) per il riutilizzo di quelle grigie per scopi non potabili, nonchè il loro trattamento e il riutilizzo per scopi non potabili, come ad esempio l’irrigazione del verde pensile, il riempimento delle cassette di risciacquo dei WC, il lavaggio di aree esterne;

Share: